in tempo di crisi regaliamo sorrisi, non costano nulla ma fanno felici... io ne ho tanti per tutti quelli che passano di qua ;-)
  se ti fa piacere seguimi anche qui:

lunedì 5 gennaio 2015

LA STORIA DELLA BEFANA - e altre favole




Le vacanze natalizie sono abbastanza lunghe ed i genitori di Giorgetto non possono permettersi di stare a casa dal lavoro per così tanti giorni. La nonna, che normalmente se ne prende cura quando loro non ci sono, è dovuta andare via... con chi lasciarlo?
Dopo essersi consultati
hanno deciso di portarlo dal vecchio nonno Ino, che per la verità è il bis nonno di Giorgetto.
Il bambino è sempre felicissimo di poter trascorrere qualche giorno con il suo dolce nonno Bisino, nome che lui gli ha assegnato da piccolissimo quando non riusciva ancora dire "nonno bis Ino"... e quel nome è rimasto e piace moltissimo al vecchietto che adora il suo pronipote.
La casa di Bisino si trova in  una piccola frazione di montagna, abitata ormai da poche persone anziane, in cui il tempo sembra essersi fermato a molti molti anni fa.
I genitori di Giorgetto si stupiscono sempre di come un bambino (ormai ragazzino) vivace e praticamente dipendente da TV e video giochi possa trovarsi bene in quel posto che loro definiscono ormai "fuori dal mondo"... intendendo dal mondo moderno.
Nel paesino nessuno ha la televisione e per poter telefonare devono usare il telefono pubblico, quello appeso al muro, nell'unico negozietto che vende un pochino di tutto dal mangiare alla merceria e persino i giornali... che non sempre arrivano quotidianamente!
Giorgetto lì invece si trasforma e si trova benissimo perché conosce proprio tutti e loro lo accolgono sempre con gran gioia. Alla sera si riuniscono a casa di Bisino e, seduti attorno al camino, tutti quei vecchietti stanno ad ascoltarlo meravigliati mentre lui racconta i fatti della sua vita in città.
Durante il giorno Giorgetto ed il bis nonno partono per lunghe avventure nel bosco dove raccolgono ciò che la natura mette a loro disposizione: castagne, funghi ed anche rametti e piccoli tronchi che serviranno per alimentare il fuoco del camino.
Da Bisino ha imparato a riconoscere le orme ed i versi degli animali che abitano il bosco; i vari tipi ed età degli alberi; ciò che è commestibile, ciò che bisogna evitare ed in modo particolare che bisogna rispettare la natura.
In ogni uscita Giorgetto impara sempre qualcosa di nuovo!
Adesso che è cresciuto possono inoltrarsi ulteriormente nel bosco e Giorgetto porta lui la gerla lasciando al nonno il cestino più leggero dove metteranno i funghi.
Nonno Bisino guarda con orgoglio il suo pronipote che lo precede portando con disinvoltura sulle spalle la pesante gerla ormai colma di tronchetti e rami. 
Quella gerla nella quale lui lo metteva, quando era piccolo, al ritorno dalle loro avventure nel bosco, perché il bambino era ormai troppo stanco per poter camminare.
Giorgetto cammina spedito sorridendo tra sè pensando ai suoi compagni di scuola che certamente avrebbero un pochino di paura ad inoltrarsi nel fitto di quegli alberi.
All'improvviso vede alzarsi, proprio in fondo, un filo di fumo e preoccupato esclama:
"Nonno Bisino guarda c'è un inizio di incendio, corriamo a spegnerlo!"
Beatamente il nonno gli risponde:
"Stai tranquillo non c'è nessun pericolo di incendio, al massimo ti si può alzare il diabete..."
Giorgetto lo guarda stupito, non riesce a spiegarsi il sorrisino ironico che è spuntato sul viso del nonno che continua:
 "là in fondo c'è la casa della vecchia Nina che in questo periodo è indaffarata a preparare dolci e dolcetti"
"Scusa ma chi è questa Nina di cui non ho mai sentito parlare?"
"Certo tu e gli altri bambini la conoscete come Befana ma per noi che abitiamo qui è una vecchia amica, quindi possiamo chiamarla Nina, diminutivo di Befanina. Nessuno sa quanti anni abbia e... per la verità neanche lei se lo ricorda! Sai quella gerla che tu porti in spalle tra qualche giorno lei la riempirà con tutte le prelibatezze che sta preparando e poi, volando sulla sua scopa magica, andrà a distribuirle a tutti i bimbi... tante volte è passata da te anche se non si è mai fatta vedere perché passa di notte quando tutti dormono"
Giorgetto, che è arrivato nella fase della vita in cui si inizia a dubitare se veramente o meno esiste la Befana, rimane basito.
"Ma allora esiste veramente la vecchina che vola sulla scopa?"
"Certo..."  gli risponde il nonno "anzi se te la senti di fare ancora un pezzo di strada te la posso anche presentare, dopotutto tu sei ormai considerato uno del paese"


Cosa succederà poi?

-> Vuoi continuarla tu?
-> Vuoi un suggerimento?
-> Questo spazio è per te...


ecco come l'ha continuata Vittorino

“Si, nonno, dai, fammela conoscere.”
“Certo, come vuoi, andiamo”, dice il nonno.
Giunti innanzi alla porta della casetta di Nina, il nonno fa un cenno al nipotino come per dirgli “dai, bussa!”
Toc, toc!
Una vocina dolce risponde “Avanti è aperto”.
Giorgetto, stupito, spinge l’uscio con cautela, vede Nina e...”ma nonno, mi avevi detto che aveva così tanti anni...invece è giovane, è bellissima e che profumino...!”
“Certo caro, sei entrato nella favola e come premio per la tua fiducia, la tua innocenza, la tua semplicità, hai potuto vedere Nina nel suo splendore e... anche mangiare i dolcetti che aveva preparato per te. Bravo!”.

Grazieee per questa bellissima continuazione!!!

sarei felicissima che altri seguissero il suo esempio 
e mi inviassero la loro versione  ;-)


se ancora non le avete lette/sentite o avete il piacere di rileggerle/ascoltarle
ecco alcune mie favole su di lei:

Befane moderne - favola e AudioFavola
La befanina inesperta - favola e AudioFavola
Nella calza della befana  

16 commenti:

  1. Cara Anna, con l'Epifania tutte le festa porta via!!!
    Dopo feste e amicizie virtuali che ci legano in modo incredibili, chiudiamo queste feste con un sorriso:-)
    Ciao e buona Epifania cara amica mia.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso l'Epifania ogni festa porta via ma le amicizie (anche solo virtuali) rimangono ;-)
      Un sacco pieno di sorrisi per te e Danila

      Elimina
  2. Buongiornooo Anna...... che bella!! Ora la ri-copio e domani la consegno ai bambini.. Sai ero alla ricerca di un lavoro sulla befana, ma non volevo fare nè letture già trite da anni, nè poesie...ero alla ricerca di qualcosa di carino e stuzzicante....TROVATO!! Grazie... buona befana. Mariuccia
    (a lavoro concluso ti invio foto...ciaooooo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mariuccia mi lusinghi, spero possa piacere ai tuoi alunni... fammi poi sapere ;-)
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Che fantasia bella che hai...Anna.


    Buona Epifania !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dolce Gianna, mi piace tener viva la tradizione... anche solo con una semplice favoletta ;-)
      Un abbraccio

      Elimina
  4. La mia nipotina , quasi tre anni e mezzo ieri sera era gasatissima pensando alla befana..
    Ci fa fatto un sacco di domande su quando sarebbe arrivata e molto altro ancora.

    Credo che sarebbe in grado di apprezzare la tua bella favola.
    Un abbraccio cara Anna e buon anno!

    RispondiElimina
  5. Grazie dolcissima, è bello quando i piccoli ci credono ancora ed a me piace fare in modo che lo facciano al più lungo possibile ;-)
    Ricambio con piacere l'abbraccio augurandoti una buona continuazione in questo nuovo 2015 che vorrei fosse per tutti pieno di serenità e qualche sogno realizzato!

    RispondiElimina
  6. Oggi le stanze dei bambini sono stracolme di giocattoli “tecnologici” sono molto belli, fanno un sacco di cose ma spesso il bambino deve limitarsi a premere un bottone e poi stare a guardare. È giustissimo che i bambini stiano al passo con i tempi ma amichetti e giochi creativi forse stimolerebbero di più la sua formazione.
    Buona giornata un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La modernità porta tanti vantaggi ma, in cambio, pretende anche molti sacrifici... il risultato è di ritrovare la maggior parte dei bimbi digital-dipendenti che non riescono più ad utilizzare la loro manualità, far funzionare la creatività e non sanno più socializzare.
      Ricambio di cuore l'abbraccio

      Elimina
  7. Che bella storia, io li farei sicuramente incontrare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie... perché non provi ad inviarmi una tua continuazione? mi faresti molto felice e la pubblicherei in fondo alla favola!

      Elimina
  8. Nooo!!! Ma non si può lasciare la gente con il fiato sospeso in questo modo! Io voglio sapere come va a finire questa storia. Dai NonnAnna, mettiti d'impegno e svelaci il mistero! :-)

    Ah, intanto auguri di buon anno: che sia un 2015 pieno di bellezza e di dolci fiabe da raccontare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Viviana per gli auguri che ricambio di vero cuore.
      Per la continuazione sarei felicissima se qualcuno mi mandasse una sua versione, ancora di più se le versioni fossero tante, le pubblicare con tanto piacere perché anche a me piace leggerle ;-)... ecco perché lascio sempre le mie favole "aperte"

      Elimina
  9. (seguito)
    “Si, nonno, dai, fammela conoscere.”
    “Certo, come vuoi, andiamo”, dice il nonno.
    Giunti innanzi alla porta della casetta di Nina, il nonno fa un cenno al nipotino come per dirgli “dai, bussa!”
    Toc, toc!
    Una vocina dolce risponde “Avanti è aperto”.
    Giorgetto, stupito, spinge l’uscio con cautela, vede Nina e...”ma nonno, mi avevi detto che aveva così tanti anni...invece è giovane, è bellissima e che profumino...!”
    “Certo caro, sei entrato nella favola e come premio per la tua fiducia, la tua innocenza, la tua semplicità, hai potuto vedere Nina nel suo splendore e... anche mangiare i dolcetti che aveva preparato per te. Bravo!”.

    Ciao Anna
    Vittorino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieee per questa bellissima continuazione che pubblico subito.

      Elimina

GRAZIE...tutti i commenti sono GRADITISSIMI ;-))
quindi lascia una traccia del tuo passaggio... un suggerimento, una critica, tutto servirà a migliorare questo blog.

GRAZIE, GRAZIE ed ancora GRAZIE a...


"d"
senza il quale questo blog non sarebbe mai esistito e che tanto pazientemente mi supporta sempre.

Grazie al blog ho scoperto un mondo che non conoscevo e che trovo super splendido!!!
Ho trovato persone meravigliose che mi hanno sempre sostenuta, incoraggiata e consigliata.

Vi abbraccio virtualmente tutte/i ... continuate a seguirmi e...
se lasciate un commento mi farete felice!!!