in tempo di crisi regaliamo sorrisi, non costano nulla ma fanno felici... io ne ho tanti per tutti quelli che passano di qua ;-)
  se ti fa piacere seguimi anche qui:

martedì 21 aprile 2020

CUMILI il mio RINFORZO DIFESE IMMUNITARIE e non solo

chi mi segue sa che sono una CURCUMA dipendente
una spezia che io ritengo miracolosa per le sue molteplici proprietà
(potente antiossidante, migliora la digestione, purifica il fegato 
e in molti affermano che sia anche antitumorale)
e, se combinata con il MIELE, è considerata un potente antinfiammatorio
combatte dolori articolari e artriti, rafforza il sistema immunitario
con l'aggiunta del LIMONE aumenterà notevolmente il suo potere antibiotico.

basandomi su tutti questi dati oggi mi sono preparata il mio
CUMILI
CUrcumaMIeleLImone

 

INGREDIENTI:
100 ml di miele
1 cucchiaio di polvere di curcuma
1 cucchiaio di succo di limone


PREPARAZIONE:
in una ciotola ho miscelato bene tra di loro tutti gli ingredienti
poi li ho travasati in un piccolo barattolo di vetro

questo sciroppo si conserva in frigo 10/15 giorni
io lo assumerò regolarmente nelle mie tisane
(il caldo ne potenzia ulteriormente i benefici)

N.B. aggiungendone 2 cucchiaini ad un bicchiere di latte caldo 
si ottiene il famoso Golden Milk


altre nostre ricette e proprietà e benefici di molti alimenti
li potete leggere cliccando qui sotto
https://nonnanna-linventafavole.blogspot.com/p/blog-page.html

lunedì 20 aprile 2020

POLENTA camuffata NO glutine proprietà e benefici

oggi piove e la temperatura si è decisamente abbassata
a me è venuta voglia di polenta
ma a mio marito non piace troppo
con ciò che avevo in casa ho risolto così

POLENTA camuffata


INGREDIENTI:
200 gr polenta precotta
50 ml acqua
30 ml latte
1 noce di burro
parmigiano grattugiato
1 etto di stracchino
(o mozzarella)
ragù di carne
sale q.b.


PROCEDIMENTO:
quando l'acqua salata bolle versare a pioggia la farina
 mescolare con una frusta perché non si formino i grumi
aggiungere il latte ed il burro
verso fine cottura aggiungere 2 cucchiaiate di parmigiano grattugiato
e continuare a mescolare
quando ha raggiunto la consistenza desiderata
(vedi istruzioni sulla confezione)
versarla in una pirofila precedentemente unta
livellarla formando un sottile strato di polenta
ricoprire con abbondante ragù di carne
(se vegetariani solo salsa di pomodoro)
spolverare abbondantemente con il parmigiano grattugiato
mettere lo stracchino a fiocchetti
in forno caldo 180° per 20'

veloce da fare ed è anche...  piaciuta ;-)

PROPRIETA' e BENEFICI del MAIS
- NON contiene glutine quindi adatta anche ai celiaci
- ha proprietà diuretica, emolliente, energetica, colagoga (stimola funzioni di fegato e bile), nutritiva e ricostituente. 
- particolarmente attiva sulla tiroide, di cui rallenta il metabolismo, adatto in caso di nervosismo e facile eccitabilità. 
- rafforza cuore ed apparato circolatorio, oltre che muscoli ed ossa.
- contiene Vitamina A, Fosforo, Magnesio, Potassio e Ferro (energetica, migliora mente e memoria)
- stimola la diuresi e combatte artriti e reumatismi (facilita l'eliminazione delle tossine dal corpo)
- ha proprietà lassative, indicata per chi soffre di stitichezza


altre nostre ricette, proprietà e benefici di molti alimenti
li potete leggere cliccando qui sotto

sabato 11 aprile 2020

LO STRANO UOVO DI PASQUA


Marianna è una persona molto previdente a cui piace programmare con anticipo le cose ma... purtroppo non avrebbe mai potuto neanche immaginare che un microscopico virus potesse arrivare e portare tanto scompiglio.
E' anche una persona a cui piace uscire e fare delle lunghe e belle camminate ma ha capito che ciò sarà nuovamente possibile solo se tutti inizieranno a seguire i suggerimenti dati dalle autorità tra cui "restare ognuno nelle proprie case".
Anche se ciò non la soddisfa molto ha subito seguito i consigli limitandosi ad osservare dal suo balcone il mondo che la circonda  ma, all'inizio, non pensava che ciò fosse necessario per un periodo così lungo.
Adesso è arrivata Pasqua e lei in casa non ha neanche un uovo pasquale...
questo non è proprio necessario e a lei non interessa neanche di averne uno enorme con della carta super colorata, di cioccolata dolce o amara ma... proprio neanche uno piccolino...
le sembra come se a Natale le mancasse il Presepe o l'albero addobbato.
Pensa che ci ripensa ed ecco che le spunta un'idea: va nella scatola del filo da cucire e prende l'uovo di legno che usa normalmente per rammendare i calzini.
Lo gira e rigira tra le mani e, osservandolo bene, capisce che è decisamente misero allora cerca nella scatola del riciclo e, trovato un pezzo di velo rosso che probabilmente una volta aveva contenuto dei confetti,  glielo avvolge attorno e poi lo ferma con un rimasuglio di nastrino giallo.

In quel momento si ricorda che quando era piccola normalmente festeggiavano la Pasqua in campagna dalla nonna e lei le nascondeva degli ovetti tra i cespugli del giardino poi, tutti insieme, si divertivano a ritrovarli.
Adesso che è chiusa in casa dove può nascondere il suo ovetto?
Il punto più verde è quello del grosso vaso sul terrazzo dove tra le piante grasse iniziano ad aprirsi i primi fiorellini,  lei lo posiziona proprio lì in centro e poi rientra in casa.
Ad un certo punto, nel silenzio assoluto che ormai regna ovunque, sente una vocina:
"Dopo tutta la fatica che hai fatto per crearmi mi abbandoni qui?"
Marianna è sicura che la vocina arrivi dal terrazzo ma com'è possibile?
Le persone che abitano negli alloggi di fianco sono tutte anziane e quella era proprio la vocetta di un bambino.
I suoi nipotini, a causa del virus, adesso non possono venire da lei quindi chi ha parlato?
Esce sul terrazzo e si osserva attorno: guarda nel vaso degli aromi, dietro quello dei ciclamini e poi in quello più grosso delle piante grasse e sorpresa... al suo ovetto sono spuntati due occhietti birichini!
"Dove hai preso questi occhi?" gli chiede stupita.
"Scusa ma come avrei fatto a vedere tutto ciò che fai se te, sbadatamente, non me li avevi messi?" gli risponde con una vocetta impertinente.
A Marianna scappa un sorriso e pensa che questo è quasi come Pinocchio, anche lui di legno e con un bel caratterino.
"Stai tranquillo d'ora in poi ti porterò in casa con me e, appena sarà possibile, ti farò conoscere i miei nipotini, vedrai ti piaceranno moltissimo e anche te a loro"
così dicendo lo prende e se lo porta in casa e lo mette sul tavolo dove sta preparando l'impasto per una torta.

---> cosa succederà dopo?
---> vuoi continuarla te?
---> vuoi un suggerimento?


altre mie favole sulla Pasqua le puoi trovare cliccando qui sotto




giovedì 2 aprile 2020

ARCOBALENO con la pasta di sale in #IORESTOACASA

#IORESTOACASA e #ANDRA' TUTTO BENE

Il virus non sceglie età, classi sociali, generi o etnie,
il virus è uguale per tutti e ognuno può essere infettato. 
Una volta infettati ci sono quelli che gestiscono bene la malattia, 
e poi c'è solo una piccolissima percentuale, fortunatamente, 
in cui le cose possono complicarsi.
non andiamo a cercarcela...
ascoltiamo i consigli, siamo positivi e 
stiamo al sicuro nelle nostre case
trascorriamo dei momenti gioiosi con i nostri bambini
trasmettendo loro serenità

tutto l'occorrente per realizzare un
ARCOBALENO con la PASTA di SALE 
si trova facilmente in casa, non sporca e non è pericoloso
neanche per i più piccoli che portano ancora tutto in bocca
lo terranno come ricordo

OCCORRENTE: 
per dosatore un vasetto di yogurt vuoto e una tazzina da caffè
o altro che trovate in casa


1 vasetto  di sale fine,
1 vasetto di farina
1 tazzina di acqua 
se i bimbi sono più grandicelli
anche 1/2 cucchiaino di colla vinilica
(facoltativo ma tiene più unito l'impasto)
una ciotola e una forchetta



PROCEDIMENTO:
nella ciotola mischiare la farina con il sale
aggiungere poco alla volta l'acqua
(e l'eventuale colla vinilica)
aiutandovi con la forchetta mescolare bene 



  





quando l'impasto inizia a staccarsi dal bordo
lavorarlo con le mani sino ad ottenere una palla liscia







suddividere l'impasto in sette pezzi e, ruotandoli 
uno alla volta nel palmo delle mani, formare 7 palline




mettere una pallina alla volta sotto le dita
spingendola avanti ed indietro formare
dei rotolini tipo grissino
lunghi circa 20 cm






su una superficie liscia e rigida 
posizionare i rotolini uno vicino all'altro
formando un semicerchio
(aiutatevi accostandoli a qualcosa di rotondo
 esempio un piattino o un coperchietto)


schiacciarli leggermente per farli aderire meglio tra di loro
e con uno stuzzicadenti fare un piccolo foro 
che servirà poi per poter appendere l'arcobaleno

Mettere il tutto vicino a una fonte di calore
(esempio termosifone, sole sul balcone, ecc)
e aspettare che asciughi.
Quando sarà perfettamente asciutto, diventato solido
e si staccherà facilmente dal piano, potrete colorarlo.



se vi fa piacere potete postare poi nei commenti le vostre fotografie 
e io le aggiungerò nel post  ;-)

domenica 15 marzo 2020

CIAMBELLONE allo yogurt con fondi di caffè

la torta che da noi va sempre alla grande è quella allo yogurt
perché velocissima da fare e sporca pochi utensili
nel tempo, per comodità di taglio, si è trasformata in ciambellone 
e l'abbiamo ormai sperimentata utilizzando diversi ingredienti
(in fondo posto alcuni link cliccabili)

oggi ho voluto provare questa variante
utilizzando i fondi del caffè che avevo appena bevuto

CIAMBELLONE allo yogurt con fondi di caffè
   


INGREDIENTI:
2 uova 
1 vasetto di yogurt bianco
2 misurini di zucchero di canna
(o anche quello bianco)
1 misurino di latte NO lattosio
(va bene anche quello normale)
1 misurino olio semi girasole
2 misurini abbondanti farina 00
1 misurino abbondante farina di grano saraceno
(potete usare anche solo un tipo di farina)
1 bustina lievito per dolci
1 fondo di caffè 
(quello della macchinetta 2 tazze)
1 pizzico di sale
come misurino ho utilizzato il vasetto dello yogurt 
tortiera bordi alti con buco centrale apribile con cerniera diametro 27 cm

PROCEDIMENTO:
in una ciotolona mettere:
pizzico di sale, uova, fondo di caffè, yogurt, zucchero, latte
 amalgamare bene con una frusta
inserire poco alla volta la farina
(preferibilmente setacciandola, io la verso attraverso un colino)
amalgamare bene poi inserire l'olio
amalgamare dal basso verso l'alto sino a quando tutto l'olio si sarà incorporato
per ultimo inserire lo lievito
(anche questo passato attraverso il colino per setacciarlo)
 amalgamare bene
versare il composto nella tortiera imburrata ed infarinata
(io la batto poi sul tavolo per facilitare il livellamento del composto)
in forno caldo 180° per 30/35'
(vale sempre la prova stecchino)
spegnere il forno e lasciarla ancora in forno chiuso per 10'

è risultata soffice e non troppo dolce
volendo si può anche aggiungere all'impasto una mela tagliata a pezzetti


clicca per visualizzare le ricette di alcune nostre altre varianti











e quella in formato ciambellone con aggiunta di mela
https://nonnanna-linventafavole.blogspot.com/2015/10/ciambellone-allo-yogurt-con-mele.html 






per chi ha problemi di salute
 la versione NO glutine NO lattosio
https://nonnanna-linventafavole.blogspot.com/2016/02/ciambellone-grano-saraceno-con-mele-no.html










un modo divertente per trascorrere meglio questi giorni
con i bambini è pasticciare in cucina ;-)

venerdì 13 marzo 2020

#ANDRA’ TUTTO BENE favola sul Coronavirus



C’era una volta una bellissima gattina ammirata da tutti… venivano in molti addirittura da Paesi lontani per osservarla e studiarla con attenzione!

Un giorno, mentre stava beatamente sonnecchiando sdraiata al sole, vide arrivare da lontano un cane sconosciuto.
La cosa la lasciò indifferente e pensò che certamente anche lui si sarebbe avvicinato per ammirarla.

Man mano che le distanze si accorciavano iniziò ad avere dei dubbi delle sue buone intenzioni ma ancora non volle lasciare la sua comoda posizione.
Quando le fu vicino capì che il cane aveva proprio dei bruttissimi propositi nei suoi riguardi. 
Lei non era preparata ad una simile situazione e non sapeva come comportarsi.

Adesso, che aveva bisogno di aiuto, non vedeva nessuna delle tante persone che solitamente erano lì per coccolarla e allora iniziò a fuggire terrorizzata.
Imboccò un vicolo dopo l’altro senza mai riuscire a trovare un nascondiglio sicuro.

Ad un certo punto si ritrovò la strada sbarrata da un muro… non aveva più nessuna via di scampo e pensò di essere ormai perduta!

All'improvviso si ricordò che, se in tanti venivano per ammirarla, lei era una gattina speciale e, tirando fuori tutto il suo orgoglio, si girò pronta per fronteggiare il suo nemico.

Il cane, arrivando tutto trafelato e gongolante perché pensava che con quel muro ormai non poteva più sfuggirgli, si ritrovò spiazzato nel vedere la gattina che gli mostrava minacciosa gli artigli delle sue zampine con il dorso arcuato ed il pelo irto.

Frenò improvvisamente la sua corsa, fece dietrofront e, con la coda tra le zampe, se ne andò via.

Nonna come si chiamavano?
La gattina si chiamava Italia ed il cane Coronavirus

giovedì 12 marzo 2020

#IORESTOACASA ma mi MUOVO

cari nonni aderiamo ai giusti suggerimenti e restiamo in casa
però ricordiamoci di fare qualche movimento
per ritrovarci poi con le "giunture" funzionanti

ho pensato a delle semplici lezioni che tutte/i possiamo fare e ve le condivido

ESERCIZI da fare in casa in questo periodo di #IORESTOACASA
ogni esercizio va ripetuto 10 volte

*PRIMA LEZIONE
tenendovi al bordo del tavolo o allo schienale di una sedia:
- CAMMINARE sul posto come se steste pestando qualcosa
- SOLLEVARE bene le ginocchia tenendo i piedi a martello - prima con la gamba destra poi con la sinistra (se ci riuscite senza mai appoggiare il piede a terra)
- SPOSTARE lateralmente la gamba e riportarla al suo posto – prima con la destra poi con la sinistra
- SPOSTARE all'indietro la gamba e riportarla al suo posto – prima con la destra poi con la sinistra
- SPOSTARE in avanti la gamba e riportarla al suo posto – prima con la destra poi con la sinistra
- GAMBE UNITE staccare le punte dei piedi da terra e ritorno
- GAMBE UNITE staccare i talloni da terra e ritorno

* SECONDA LEZIONE
sedetevi su una sedia con la schiena ben appoggiata:
- GAMBE UNITE (punte dei piedi distese) sollevarle, contare sino a cinque e riabbassarle
- SOLLEVARE alternativamente una gamba alla volta (punta del piede a martello), contare sino a cinque e riabbassare
- MANI APPOGGIATE alle ginocchia, sollevare leggermente da terra i piedi ben uniti, portare le punte dei piedi in alto e poi in basso
- MANI APPOGGIATE alle ginocchia, sollevare leggermente da terra un piede alla volta e ruotarlo prima in una direzione poi nell'altra
- MANI APPOGGIATE alle ginocchia, punte dei piedi distese, sollevare le gambe ed allargarle, contare sino a cinque e richiuderle

ognuno può aggiungerne delle altre e...
grazie se le invierete nei commenti

mercoledì 11 marzo 2020

#iorestoacasa e sventolo il tricolore


Nel 2011 in occasione dei festeggiamenti per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia
tantissime persone hanno riscoperto il loro “spirito patriottico” 
abbellendo balconi e finestre con le bandiere tricolore.


In questo triste momento storico ricordiamoci che noi italiani
SIAMO UN POPOLO FANTASTICO quindi, 
mettiamo da parte i vari mugugni, tiriamo fuori il nostro orgoglio, forza, coraggio 
e tutti insieme responsabilmente seguiamo il decalogo del ministero della Salute
per evitare il dilagare del contagio da coronavirus

#iorestoacasa


e facciamo sventolare il nostro bellissimo tricolore

tutto andrà bene
e
PRESTO NE SAREMO FUORI

martedì 10 marzo 2020

MEME' e CORI favola sul CORONAVIRUS


Memé da sempre é affascinata dalle avventure dei fantastici Quattro e dai super poteri di Mister Fantastic, la Cosa, la Torcia Umana ma in particolare da quelli della Donna Invisibile e come riesce a scomparire e ricomparire a sua volontà.

Da piccola le piaceva inventarsi dei giochi in cui lei la impersonava e si rendeva invisibile ricoprendosi con un lungo mantello... dopotutto anche lei ha gli occhi azzurri e porta i lunghi capelli biondi sciolti sulle spalle come la sua eroina!

Adesso, diventata grande, non si nasconde più sotto un mantello ma si è fatta regalare una felpa su cui spicca la bionda Donna Invisibile perché continuano a intrigarla quei super poteri che le permettono di scomparire e riapparire a piacimento.

In questi giorni, in cui ovunque si parlare del famigerato Coronavirus del quale nessuno ha ancora ben capito come sia e come si comporti, lei ha più volte pensato che i fantastici quattro, con i loro super poteri, forse sarebbero riusciti a risolvere la questione.
E’ andata a coricarsi con questo pensiero che le frulla nella testa.



All'improvviso si ritrova tra i vari alambicchi e provette della sua aula di chimica e lì le si accende una lampadina: se la sua eroina riesce a rendersi invisibile lei può cercare di creare una formula che renda invece visibile ciò che non lo è... il famigerato coronavirus.

Come se le sue mani fossero guidate da una forza superiore inizia a miscelare molti dei liquidi che trova sui vari scaffali, li inserisce nella caldaia dell’alambicco e, dopo averne chiuso ermeticamente il tappo, accende il fuoco sotto.
Piano, piano si sprigionano dei vapori che, passando attraverso la serpentina, si raffreddano e condensandosi lasciando cadere un liquido distillato di colore verdastro.


Non sa quanto tempo sia trascorso da quando è entrata nel laboratorio ma dalla finestra vede già spuntare l’alba e lei sente che gli occhi gli si stanno chiudendo dalla stanchezza.
Per recuperare un po’ di forze inserisce una moneta nella macchinetta delle bibite, seleziona una cioccolata calda e poi, nell'attesa che si raffreddi un poco, appoggia il bicchiere sul tavolo dove sta lavorando.
Intanto inizia a travasare lo strano liquido verdastro in uno spruzzino.
Nel fare quest’operazione alcune gocce cadono sul piano del tavolo e subito le appaiono delle strane piccolissime creature che stanno fuggendo velocemente.
Cosa sono? Da dove spuntano?
Prima è sicurissima di non averne mai vista nessuna?
Improvvisamente uno di questi esserini si ferma e le dice:
“Sei tanto intelligente e non ci hai riconosciuti? Siamo i Coronavirus”
Strano lei è certa di non aver parlato, come fa quel piccolo essere insignificante a sapere cosa pensa e come fa lei a sentirlo?
Ancora incredula Memé gli domanda sussurrando:
“Da dove spuntate e com'è possibile che io adesso riesca a vedervi?”
Con una vocina impertinente, l’esserino continua:
“Ci hai portato te qui sopra e neanche te ne sei resa conto... quando hai appoggiato le mani su questo piano alcuni di noi ci sono subito saltati sopra e poi noi... ci moltiplichiamo molto velocemente!”
Ancora confusa per ciò che succede Memé gli dice:
“Per piacere Cori dimmi perché adesso scappate” le è venuto spontaneo chiamarlo così perché Coronavirus le è sembrato un nome sproporzionatamente lungo per un esserino così piccolo.
“Vedi mi sei simpatica, ho visto con quanto impegno hai lavorato tutta la notte e ti voglio rispondere anche se fermandomi metto a rischio la mia vita...”
“metti a rischio la tua vita?”
“ti voglio svelare un segreto: se noi ci moltiplichiamo molto velocemente è proprio per il cattivo comportamento di voi umani ma adesso devo fuggire perché il calore che emana il tuo bicchiere di cioccolata calda mi può distruggere”
Memé sposta il bicchiere di cioccolata e con voce triste bisbiglia:
“per piacere dimmi cosa dobbiamo fare noi umani per impedire che voi continuiate a moltiplicarvi così velocemente facendo così tanto male a moltissime persone”
“Ok, bella biondina, questa è l’ultima risposta poi raggiungo gli altri... "
e salutandola con una zampetta gli urla “... spiega a tutti di seguire le regole che vi vengono dette ma che continuate a voler ignorareee”

Sul tavolo non c’è più nessun esserino verde, Memé si siede e, sorseggiando la sua cioccolata calda, riflette su cosa gli ha urlato fuggendo il piccolissimo Cori, ma come ha fatto a vederlo e sentirlo?
sarà stato quel goccio di liquido verde che le era caduto sul tavolo?

In quel momento il suono incessante della sveglia la fa sobbalzare nel letto, è stato tutto un sogno, lei non si è mai mossa dalla sua stanza e non ha creato nessun liquido miracoloso...
Non riesce però a togliersi di testa il suggerimento di Cori e, mentalmente, cerca di visualizzare le regole che più volte ha letto e sentito in questi giorni.
Corre in bagno, si lava con cura le mani prima di andare a fare colazione e telefona alle amiche dicendo che al momento è meglio sentirsi o vedersi solo tramite skype

mercoledì 4 marzo 2020

Biscotti morbidi per tutti i gusti

le scuole sono chiuse e noi...
 ci divertiamo in cucina
ecco i nostri
biscotti morbidi per tutti i gusti



INGREDIENTI
2 uova
100 gr zucchero
100 gr burro vegetale morbido
300 gr farina 00
1 bustina lievito per dolci
1 cucchiaio cioccolato amaro in polvere
alcuni pezzetti di cioccolato amaro
1 pizzico di sale


PROCEDIMENTO:
in una terrina sbattere le uova con un pizzico di sale
aggiungere lo zucchero
il burro morbido a pezzetti (tenuto prima fuori dal frigo)
mescolare bene
aggiungere poco alla volta la farina nella quale avrete già inserito lo lievito
mescolare ben bene
lasciare metà composto così
nella parte rimanente aggiungere il cacao amaro in polvere e mescolare
sulla placca del forno, ricoperta di carta forno,
posizionare il composto a cucchiaiate distanziate
su metà di quelle chiare mettere dello zucchero di canna
su metà di quelle scure inserire un pezzetto di cioccolato
si otterranno così quattro gusti diversi
in forno caldo 180° per 20'
toglierli dal forno e lasciare raffreddare

le varianti possono essere moltissime e secondo i propri gusti:
inserire nell'impasto cannella in polvere, succo di limone, uva sultanina,
pezzetti di mela, frutta secca, ecc.

velocissimi da fare
ed ancora più veloci a... sparire ;-)

altre nostre ricette le potete trovare cliccando su
https://nonnanna-linventafavole.blogspot.com/p/blog-page.html

GRAZIE, GRAZIE ed ancora GRAZIE a...


"d"
senza il quale questo blog non sarebbe mai esistito e che tanto pazientemente mi supporta sempre.

Grazie al blog ho scoperto un mondo che non conoscevo e che trovo super splendido!!!
Ho trovato persone meravigliose che mi hanno sempre sostenuta, incoraggiata e consigliata.

Vi abbraccio virtualmente tutte/i ... continuate a seguirmi e...
se lasciate un commento mi farete felice!!!